Nov
14

Il Valore delle Associazioni per i cittadini di una città

In questi 5 mesi di carica di Assessore di Cernusco il mio pensiero fisso è diventato bilancio, impegni di spesa, risparmio, spending review, tagli, patto di stabilità. Domande come "abbiamo i soldi per fare questo?" o "dove troviamo i soldi per fare quest'altro?" sono diventate il leit motiv delle mie giornate, prima ancora di progettazione, ascolto dei bisogni, risoluzione delle emergenze.
Si deve conoscere il bilancio di un comune. Quello con la b minuscola, fatto di entrate dallo stato, dai cittadini, da tasse, tariffe, oneri e fatto di uscite per gli investimenti, per la spesa corrente, come il diritto allo studio, la cultura, i servizi sociali, gli stipendi della "macchina comunale".

Ma il Bilancio di un comune è fatto anche da quello con la "B" maiuscola, che quasi nessuno considera mai nel fare i conti: è il VALORE totale generato e investito da tutti gli attori che vivono nel territorio. I famosi "stakeholder":

  • Persone singole e famiglie
  • Associazioni
  • Imprese
  • Istituzioni pubbliche

Quando si lavora in un'azienda si pensa continuamente al VALORE, perché nel suo statuto c'è scritto che l'obiettivo è quello di generare valore, soprattutto economico.

Ma quando si guarda al contesto di comunità cosa si intende per VALORE?

Detto in modo molto semplice il VALORE consiste nella qualità della vita delle persone.
Può quindi significare qualità del cibo che si mangia, delle attività culturali a cui si assiste, dell'ambiente in cui si vive, il verde, l'aria che si respira, delle relazioni umane, della cura di anziani, malati e bambini, delle opportunità per fare sport e attività fisica, delle opportunità di lavoro e formazione, etc. etc.
Come si fa a quantificare questo VALORE?

 

Il famoso Bilancio con la b minuscola, è facile da quantificare. E' scritto, è pubblico. Nel comune di Cernusco il Bilancio di 42 Milioni di Euro, circa, incide su ognuno dei 32.000 cittadini di una cifra pro-capite pari a circa 1.300 €.
E mentre le entrate economiche dei differenti comuni Italiani sono più o meno di questa stessa entità pro-capite, il VALORE che viene generato dagli altri attori del territorio cambia enormemente tra comune e comune.


A Cernusco siamo fortunati, perché:

  • Abbiamo uno dei redditi pro-capite più alto d'Italia (Poco meno di 30.000€, per circa 20.000 contribuenti su 32.000 cittadini)
  • Abbiamo più di 2000 imprese attive sul territorio
  • Abbiamo più di 100 tra associazioni culturali e sociali (qui trovate quelle iscritte all'albo comunale)
  • Abbiamo più di 40 associazioni sportive (qui trovate quelle iscritte all'albo comunale)

Tutte queste associazioni generano per il nostro territorio un VALORE enorme!

Attività ludiche e ricreative, eventi culturali, volontariato rivolto a persone disagiate, raccolte fondi per cooperare con altre realtà internazionali, creazione di momenti di socializzazione, gruppi di auto mutuo aiuto, feste, approfondimenti su tematiche di attualità, presentazioni di libri, gite....la lista potrebbe proseguire all'infinito.

Quindi, senza timore di essere smentita, potrei affermare che il VALORE creato dalle associazioni è quasi interamente generato dai loro soci e dai volontari. La forza e l'energia che le varie associazioni riescono a convogliare è sorprendente. Persone che lavorano a tempo pieno, che hanno famiglia, che vivono piccole o grandi difficoltà di vario tipo, riescono grazie alle associazioni a trovarsi, organizzarsi, costruire iniziative, dare il loro tempo per aiutare altre persone, sposare una causa che ritengono giusta e per la quale si battono. Escono di casa la sera spesso stanchi e a volte col freddo per trovarsi in sedi improbabili per dare il loro contributo alla città.

Da quando sono arrivata a Cernusco ogni week-end ho visto eventi e attività organizzati dalle associazioni, con centinaia di cittadini che ne hanno usufruito. Ho visitato decine di associazioni sociali che affrontano i temi più difficili che una comunità si trovi ad affrontare: disabilità, dipendenze, povertà, malattie. Questi sono temi dove il mercato fatica ad arrivare e dove le risorse necessarie sono ingenti. Le associazioni ci sono, agiscono concretamente sui problemi, conoscono il territorio e le persone che lo vivono. Fanno un lavoro in cui creano immediatamente VALORE semplicemente perché rafforzano il senso di comunità, di appartenenza ad un luogo, ad un gruppo, e affrontano un problema concreto che altrimenti rimarrebbe scoperto.

Le nostre associazioni hanno davvero un VALORE enorme! Per le cose che fanno, e per la risposta sociale che danno ai loro membri e affiliati.

E cosa fa il comune per le associazioni?

Fornisce il suo supporto concreto nei seguenti modi:

  • sedi per le attività,
  • stampa di volantini per iniziative patrocinate
  • in alcuni casi chiede alle associazioni di offrire un servizio e quindi contribuisce, in parte, ai costi necessari per produrlo.

Se alla mia domanda precedente, sul quantificare questo VALORE, è difficilissimo dare una risposta, credo che saremo tutti d'accordo nell'affermare che è nell'interesse pubblico moltiplicare questo valore supportandolo di più.

Quindi, come assessore competente, sono confrontata ogni giorno con la stessa domanda: come posso aiutare le associazioni a creare ancora più VALORE per Cernusco? e come posso dare loro il giusto merito?

Ecco cosa le associazioni stesse mi hanno suggerito:

  • Dare spazi per le attività, usando il patrimonio pubblico spesso ampiamente poco utilizzato
  • Aiutare ad allargare la platea dei volontari
  • Coordinare maggiormente le attività delle diverse associazioni soprattutto quando insistono sugli stessi problemi
  • Aiutare la comunicazione dei progetti e servizi offerti dalle associazioni al territorio
  • Riconoscere pubblicamente il lavoro fatto
  • Scegliere come usare le poche risorse pubbliche essendo meno genericamente neutrali rispetto al loro uso ma prendendosi la responsabilità di scegliere a chi dare e a chi non dare

Mi impegnerò perché il comune persegua ognuno di questi obiettivi e faccia da moltiplicatore del VALORE che le associazioni stanno già creando.

Oggi, per esempio, è iniziato un percorso.
Insieme a una decina di persone, incontrate alla serata delle consulte congiunte, che si sono liberamente proposte di aiutarmi, abbiamo fatto partire un piccolo esperimento: costruiamo insieme un calendario condiviso di eventi per le associazioni. In cui le associazioni stesse possano autonomamente inserire le proprie iniziative. Questo ha il duplice scopo di pubblicizzazione di tali iniziative ma anche e soprattutto di dare loro la possibilità di accordarsi e di conoscersi.

Non vi dico di più per ora....vi rimando alla prossima puntata in cui potrò farvi vedere un pezzettino di risultato di questa sperimentazione.

Buona notte....