Set
16

Il costo della politica e la mia busta paga da Assessore

Quando si parla dei costi della politica si pensa sempre agli stipendi dei parlamentari, a quello dei consiglieri regionali, ai vari benefit e vitalizi. Degli stipendi dei politici a livello locale non si parla mai o molto poco.

Eugenio Comincini, Sindaco di Cernusco Sul Naviglio, lo scorso anno ha pubblicato il suo compenso e quello degli assessori della sua giunta.

Per riassumere, il sindaco di una città come Cernusco, che all'ultimo censimento risultava avere poco meno di 30.000 abitanti, guadagna circa 2.200 euro al mese per 12 mensilità. E' impegnato a tempo pieno e molto spesso anche le sere, per riunioni varie e consigli comunali, e i fine settimana, quando è invitato a presiedere a eventi e inaugurazioni varie. Gli Assessori che mantengono il loro posto di lavoro a tempo pieno come dipendenti presso i loro datori di lavoro (come ad esempio un insegnante, o un dipendente di un'impresa privata)  prendono poco più di 500 euro al mese. L'impegno che riescono a dare come assessori è di qualche mezza giornata a settimana, più, spesso lavoro di backoffice fatto da casa, e serate e eventi nei fine settimana come per il sindaco.

Nel mio caso, essendo libera professionista e non dipendente, ho diritto ad un compenso che è circa la metà di quello del sindaco.

Sempre nel mio caso specifico, l'impegno è totale. Sono in ufficio tutti i giorni, più o meno dalle 8.30 fino alle 16.00 minimo. Dopo scappo a prendere i figli a meno dei giorni in cui ho riunioni, incontri e commissioni varie dalle 17 in avanti. Per il mio lavoro "vero"mi ritaglio circa una mezza giornata a settimana.

Non timbro il cartellino, sono flessibile, nessuno mi controlla, e come per il sindaco e per i miei colleghi assessori sono spesso impegnata nel fine settimana o in incontri serali dovuti ad attività di partito o iniziative varie a cui devo presenziare.

Il mio compenso mensile è quindi di 1.093,48 euro, di cui il 10% lo devolvo al PD di Cernusco.

Questa la mia busta paga